Venerdì, 14 Luglio 2017 16:56

Corso di formazione regionale

Scritto da Sandro Crestani
Vota questo articolo
(2 Voti)

L’aspetto motivazionale ed una comunicazione efficace nella gestione della Sezione

Motivazione e comunicazione sono state sicuramente le parole guida nelle due giornate del Corso di formazione regionale svoltosi a Bardonecchia dal 24 al 25 giugno con il coinvolgimento di più di 80 partecipanti di tutte le realtà associative regionali. A queste parole si deve però aggiungere anche lo spirito di gruppo che ha permeato le due giornate e ne ha segnato gli esiti.

Dopo una breve introduzione di Giorgio Groppo, che ha ricordato il senso della scelta dell’AVIS Regionale di organizzare interventi di formazione e chiamato Franco Filiberti a coordinare gli interventi, si è entrati subito nel vivo dei lavori.

L’intervento di Sandro CrestaniFare, fare il bene e farlo sapere: l’arte di comunicare il bene è la gestione dei periodici associativi” è partito dall’esplorare i principi e i processi di comunicazione, focalizzandone gli elementi chiave di scopo e rapporto con gli interlocutori; in particolare, risulta fondamentale la capacità di interessare e coinvolgere il pubblico. Sotto questi punti di vista, un carotaggio sugli aspetti qualificanti della stampa associativa ha posto in evidenza gli elementi di condivisione, ma anche i limiti che questi strumenti oggi mostrano. Limiti confermati anche nella relazione di Carla Gatti, responsabile Ufficio Stampa dell’Assessorato Regionale della Sanità, titolata “Comunicare il bene attraverso i social network”. Gatti ha rimarcato come la comunicazione attraverso i social network possa divenire uno strumento strategico, purché curata e gestita con attenzione. Da questo punto di vista ha portato l’esperienza vissuta personalmente nell’Assessorato alla Sanità. Gatti ha poi confermato l’importanza, già evidenziata da Crestani, dei comunicati stampa.

La comunicazione e le sue regole è stata anche al centro dell’intervento di Paola Isaia che, con il titolo “La comunicazione interpersonale e la gestione dei rapporti associativi” ha portato l’attenzione soprattutto ai meccanismi interni di coesione e condivisione. Ciascun dirigente avisino deve di “farsi carico” della comunicazione per evitare incomprensioni e mancanza di riscontri. Fondamentale, a questo scopo è la capacità di ascolto.

A dimostrazione delle capacità concrete di comunicazione verso l’esterno, il racconto dell’esperienza di propaganda scolastica portata da Giusy Famiglietti dell’AVIS di Ivrea, con un vero e proprio percorso di accompagnamento dei ragazzi alla donazione è stata una degna chiusura della mattinata.

Nel pomeriggio, con l’intervento di Laura FattoriLa motivazione: come creare il desiderio di partecipazione nei donatori” si è passati ad esplorare l’universo motivazionale, partendo dal chiedere agli stessi partecipanti quali fossero state le proprie motivazioni per divenire donatori e inquadrando poi l’esperienza personale nel modello della scala dei bisogni di Maslow. Le motivazioni per gli avisini si possono trovare nei livelli elevati della piramide: appartenenza, stima e autorealizzazione.

Come già negli anni precedenti, anche quest’anno la dott.ssa Rosa Chianese, Responsabile CRCC del Piemonte, non ha mancato di portare il proprio contributo al corso di formazione. Nel suo intervento “ Il Progetto Regionale relativo al Disciplinare C della convenzione con le Associazioni e Federazioni di Donatori Volontari di sangue” Chianese ha illustrato i contenuti e le condizioni che potrebbero consentire all’AVIS, di poter fruire delle quote aggiuntive di rimborso sulle donazioni rispetto alle tariffe già fissate a livello nazionale. Sostanzialmente, saranno criieri di qualità sia di programmazione che nella realizzazione della raccolta a poter consentire di far scattare la premialità di progetto. E’ certamente un impegno non facile quello che verrà chiesto alle AVIS a tutti i livelli, ma il contesto della sanità non consente improvvisazioni o estemporaneità.

Il Presidente Regionale Giorgio Groppo ha ampliato ulteriormente il quadro offerto da Rosa Chianese illustrando “La legge di riordino del Terzo Settore e i Dec reti attuativi”. Senza entrare nel dettaglio dei decreti, Groppo ha dovuto rimarcare il quadro sostanzialemte ancora in divenire dell’attuazione della legge di riforma, con ancora 4 decreti in approvazione e 32 circolari applicative da emettere. Se pertanto la legge presenta alcuni principi positivi, la sua applicazione rischia di produrre non poche difficoltà, a partire dalla riduzione delle risorse per i Centri Servizio del Volontariato, e l’affermarsi di una visione del 3° settore centrata sull’attività delle grandi associazioni. Giorgio Dulio ha completato l’illustrazione dei contenuti della riforma e dei decreti finora emessi concentrandosi su alcuni punti di specifica rilevanxza per l’attività delle Comunali, quali ad esempio la confermata incompatibilità dello svolgimento di attività retribuite dall’associazione con il ruolo di associato e la necessità di documentare puntualmente tutte le attività economiche e i rimborsi praticati a favore di attivisti e associati.

La serata del sabato ha visto un ulteriore momento di condivisione e spirito di gruppo. In questo caso, sono state le capacità di “comunicazione canora” ad essere messe alla prova in una sessione di karaoke che, pur con qualche difficoltà tecnica, ha saputo coinvolgere e divertire fino alla tarda serata.

La mattinata di domenica è stata impegnata a sviluppare il confronto e la riflessioni dei partecipanti sui temi oggetto delle relazioni del giorno precedente.
I partecipanti si sono suddivisi in 3 gruppi di lavoro dedicati a comunicazione associativa, motivazione alla donazione e analisi di situazioni concrete derivanti dai decreti attuativi della Legge di riforma. Dai contributi individuali alla discussione ciascun gruppo ha tratto una sintesi finale, riportata poi a una nuova sessione plenaria che ha visto anche momenti di abbraccio e di ulteriore approfondimento. Lo spirito positivo e fattivo delle giornate è stato fatto proprio da Giorgio Groppo che ha quindi richiesto che spunti e proposte emerse dai gruppi di lavoro vengano fatti oggetto di ulteriori sessioni di lavoro dopo la pausa estiva per produrre un vero e proprio piano di azioni da portare avanti nel corso del mandato appena avviato sotto la guida del rinnovato ufficio di Presidenza dell’AVIS regionale.
Al di là di ciò che ciascun partecipante ha potuto ricavare individualmente, il risultato più importante di queste due giornate è quindi proprio quello di una maggiore coesione fra tutte le AVIS del Piemonte e di uno spirito di gruppo che potrà e dovrà svilupparsi ulteriormente. La motivazione a fare bene il bene davvero non manca!

Sandro Crestani

Letto 382 volte Ultima modifica il Venerdì, 14 Luglio 2017 17:34
Altro in questa categoria: « Documenti

Newsletter

Iscriviti per essere informato su novità ed eventi
Privacy e Termini di Utilizzo

Le nostre sedi

Piemonte

Visitatori

1643858
Oggi
Ieri
Questa Setimana
Ultima settimana
Questo mese
Mese scorso
Tutti i giorni
1383
9875
36664
62200
174186
455098
1643858

Previsioni per domani
16080


Indirizzo IP:54.224.197.251

AVIS Nazionale

AVIS Nazionale

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra navigazione..  Per saperne di più.  Accetto i Cookie da questo sito